ICT in outsourcing: quali vantaggi

ICT in outsourcing: quali vantaggi

Perché oggi, per molte aziende, scegliere di avere ICT in outsourcing è una necessità?

La diffusione e lo sviluppo delle tecnologie digitali è un fenomeno capillare ed estremamente veloce, che ha un impatto significativo sulle aziende, sulla loro operatività, sulla formazione delle risorse e non ultimo sulla sicurezza dei dati e delle informazioni sensibili.

Le aziende però non hanno dubbi, o talvolta non hanno scelta, nell’abbracciare la digitalizzazione, poiché questa porta con sé indubbi vantaggi: aumento della produttività, riduzione di alcuni costi operativi, possibilità di raccogliere ed analizzare più facilmente i dati aziendali, velocità e semplicità nelle comunicazioni e spinta verso l’innovazione continua. Tuttavia essa richiede anche lo sviluppo di nuove competenze da parte degli utilizzatori e soprattutto da parte di chi deve strutturare il processo di digitalizzazione all’interno delle aziende.

La proposta di Cabar

Cabar da sempre opera a fianco delle imprese per aiutarle nel loro percorso di innovazione continua e sa che molte aziende non hanno al loro interno le risorse per organizzare un ufficio ICT capace di gestire l’infrastruttura informatica, garantirne la sicurezza, ottimizzare le risorse disponibili, risolvere ogni problema tecnico e permettere da un lato la a continuità del business e dall’altro un costante rinnovamento.

Per questo, da diversi anni, Cabar opera come ufficio ICT in outsourcing per diversi Clienti: dalle aziende private alle pubbliche amministrazioni, dalle imprese manifatturiere ai fornitori di servizi, dalle scuole ai liberi professionisti.

La competenza tecnica, la conoscenza del mercato, l’esperienza maturata sul campo in centinaia di interventi diventano così un patrimonio a disposizione dei Clienti, che possono fare affidamento su questo per avere una infrastruttura tecnologica all’avanguardia, perfettamente funzionante e adeguata alle proprie esigenze.

Come si struttura ICT in outsourcing

Dal punto di vista operativo l’ICT in outsourcing di Cabar si struttura in diverse fasi:

  • analisi ed osservazione (raccolta informazioni ed acquisizione della situazione);
  • sviluppo di proposte operative e progetti ad hoc;
  • confronto tecnico ed amministrativo anche con altri fornitori tecnologici del cliente;
  • implementazione;
  • verifica e controllo corrispondenza tra l’atteso ed il realizzato;
  • Assistenza tecnica con manutenzioni programmate e Help desk per altri interventi

Quali i vantaggi per il Cliente?

1 – In fase di analisi, i dati sono raccolti direttamente da Cabar con sopralluoghi presso la sede del Cliente e con l’utilizzo di strumenti informatici in grado di rilevare i parametri significativi. Il dettaglio delle configurazioni e dei parametri raccolti e custoditi da Cabar srl viene iscritto in un documento a cui il Cliente, che sottoscrive il contratto di outsourcing, può accedere in qualsiasi momento via WEB, in modalità sicura, tramite credenziali personali.

2 – Cabar produce un documento denominato ICT Infrastructure Assessment, dove, in modo chiaro e sintetico sono elencate, per ogni voce analizzata, le criticità e le possibili aree di miglioramento. L’azienda ottiene così una valutazione imparziale e altamente professionale della sua dotazione tecnologica, che può essere utilizzata per pianificare interventi di aggiornamento, ottimizzazione o sostituzione delle soluzioni presenti, ma anche per rivedere i contratti di fornitura in essere.

3 – Grazie alle solide relazioni sviluppate negli anni coi più importanti vendor del mercato, Cabar è in grado di fornire ai Clienti le soluzioni tecnologicamente più avanzate a condizioni vantaggiose. Tutta la fase di installazione e collaudo è gestita direttamente da Cabar, tramite personale qualificato. che provvede a coordinare il lavoro dei diversi fornitori e a risolvere ogni possibile criticità garantendo che il risultato finale sia conforme alle normative vigenti in termini di sicurezza e di privacy.

4 – Nella fornitura di ICT in outsourcing è compreso il servizio di assistenza, definito contrattualmente con specifici livelli di servizio. L’assistenza si attiva sia per manutenzioni periodiche programmate, ma anche per interventi sporadici legati a eventi non previsti. Inoltre il Cliente può usufruire di programmi di formazione dedicati sia agli utenti che alle persone con più competenze tecniche. Sia l’assistenza che la formazione sono erogati da personale altamente qualificato e in possesso delle necessarie certificazioni

5 – Ultimo, ma non per importanza è il vantaggio economico. Le Aziende che non hanno la capacità dimensionale ed economica per assumere e formare le risorse che abbiano le competenze tecniche necessarie, possono usufruire del servizio, tramite personale specializzato e dalla comprovata esperienza ad un costo definito da un chiaro accordo di fornitura.

Contattaci per maggiori informazioni sulla nostra proposta

 

Didattica a Distanza: la D.A.D è il nuovo modo di vivere la scuola. Quali i pro e i contro?

Didattica a Distanza: la D.A.D è il nuovo modo di vivere la scuola. Quali i pro e i contro?

Attualmente è più di un anno che a causa della pandemia le scuole di tutta Italia hanno dovuto compiere una rivoluzione e imparare un nuovo metodo di fare scuola, tanto che ormai “Didattica a distanza” o il più utilizzato acronimo D.A.D sono diventati termini di uso comune.

Sicuramente non si è trattato di un cambiamento facile, tra strumenti tecnologici mancanti, problemi di connessione, difficoltà di organizzazione, e non solo. Non essendoci stata alcuna precedente gestione del mondo scolastico su questo livello, tutta la scuola si è ritrovata a far fronte all’emergenza sanitaria con i mezzi a disposizione, che spesso si sono rivelati insufficienti e datati.

Il Rapporto Annuale Istat 2020, infatti, ha evidenziato le diseguaglianze fra gli studenti del Sud Italia e quelli del Nord Italia: il 12,3% dei bambini e dei ragazzi fra i 6 e i 17 anni (media nazionale relativa all’anno 2019) non possiede né un PC né un tablet, ma tale dato sale al 19% se geolocalizzato al Mezzogiorno.

Motivo per cui il Decreto MISE ha privilegiato con il Voucher Connettività le regioni del Sud. Per questo motivo vorremmo fare il punto sui vantaggi e gli svantaggi della D.A.D, per mettere in evidenza luci e ombre di questa vera e propria ‘rivoluzione fra i banchi’.

I vantaggi della D.A.D

  • Orari flessibili e spostamenti annullati: Nessuno spostamento è richiesto alle famiglie e agli alunni per raggiungere la sede della scuola, con risparmio di tempo e di danaro (carburante, biglietto per i mezzi pubblici etc.). Inoltre se le lezioni sono videoregistrate rimane la possibilità di fruirne quando si vuole in orari doversi e per più volte.
  • Multimedialità: le piattaforme utilizzate solitamente permettono messaggistica istantanea, una fruibilità maggiore dei materiali didattici, nonché avvisi e notifiche in tempo reale.
  • Riduzione delle distanze sociali: docenti e studenti si sono improvvisamente trovati ‘sulla stessa barca’ e hanno fatto i conti con problematiche comuni. Le videochiamate sono un mezzo molto usato dagli insegnanti per far sentire la propria vicinanza alle classi e, seppure attraverso lo schermo di un PC, per provare ad annullare la distanza. Dalla cattedra al salotto di casa, anche gli insegnanti hanno dovuto mostrare il loro lato più umano.

SVANTAGGI

  • Mancanza di interazione sociale: La mancanza dell’interazione con il proprio gruppo sociale di riferimento è per gli studenti un aspetto fortemente penalizzante.
  • Problemi di connessione: Zone non raggiunte da rete Internet, banda larga limitata soltanto ai grandi centri urbani e, come se non bastasse, una scarsa alfabetizzazione digitale (specialmente per docenti con lunga esperienza nell’insegnamento) hanno causato enormi problemi alla fruibilità delle lezioni scolastiche online.
  • Troppo tempo al PC: per i bambini della scuola elementare e della scuola media, ma soprattutto per gli adolescenti delle scuole superiori, il computer, il tablet e il PC sono diventati i principali ‘interlocutori’. Non più soltanto uno strumento per seguire le lezioni della didattica a distanza, ma anche un modo per coltivare il rapporto con i compagni, con chat e videochiamate e per ‘svagarsi’ nel dopo scuola. Il risultato? Ore e ore davanti a un asettico display luminoso.

Alcune riflessioni sulla D.A.D e spunti di miglioramento

Al di là dei singoli problemi, risolvibili dall’insegnante e dallo studente stesso, bisognerebbe innanzitutto avvicinare la didattica a distanza all’e-learning per migliorare l’interattività delle lezioni e ridurre quel rapporto univoco dove la lezione viene semplicemente impartita dal docente e il compito consegnato dallo studente.

In più sarebbe auspicabile prevedere un percorso formativo informatico composto dalle seguenti attività:

  • formazione teorica adeguata per tutti
  • confronto continuo per approfondire la parte pratica
  • slide e video scaricabili e consultabili offline
  • utilizzo di programmi di scrittura, di grafica e di montaggio dei video

Strumenti utili a implementare il sistema scolastico più tradizionale con la creatività e l’utilizzo delle nuove tecnologie.

Noi di Cabar, crediamo fermamente nello sviluppo futuro delle modalità di insegnamento online. Per questo siamo anche partner Microsoft Education, sinonimo di serietà e qualità.
Se stai cercando una buona suite per gestire la D.A.D del tuo istituto dai uno sguardo qui.

Formazione a distanza: Cabar diventa partner di Microsoft

Formazione a distanza: Cabar diventa partner di Microsoft

L’e-learning, di pari passo con lo Smart Working, sta prendendo sempre più piede nell’ambito della formazione. Ciò riguarda sia l’università che le aziende, le quali si appoggiano agli strumenti digitali per erogare i propri corsi di aggiornamento.

 

Di cosa parliamo nello specifico?

 

L’e-learning è un sistema di apprendimento a distanza basato su piattaforme web accessibili tramite computer o dispositivi mobile e connessione Internet. È un tipo di formazione che mette insieme strumenti diversi come testi, video o presentazioni che possono essere fruiti senza vincoli spaziali e da diversi device.

L’e-learning implica che si venga a creare un contatto virtuale innovativo tra docente e studente, proprio per questo, la formazione a distanza non deve essere impostata alla stessa maniera di quella in presenza, ma va rimodulata.

Parliamo di un tipo di apprendimento dinamico e flessibile nel quale lo studente è tenuto a stare fisso davanti a un dispositivo, con conseguente difficoltà nel mantenere alta la concentrazione. Per questo, l’apprendimento si deve basare su una comunicazione dinamica e focalizzata che possa tenere alta la concentrazione e permettere di ottenere risultati paragonabili alla formazione in presenza.

In questo periodo storico l’accelerazione che si è riscontrata nel passaggio alla digitalizzazione ha imposto lo stravolgimento delle pratiche quotidiane, portando quasi ogni aspetto della nostra vita nel digitale, con vantaggi che sono stati tangibili per tutti.

 

Formazione aziendale: i dati di Cegos

 

Le aziende, in particolar modo, sono risultate molto favorevoli a questo cambiamento viste le facilitazioni che il digitale ha portato.

A questo proposito, l’Observatory Barometer 2020 di Cegos, che ha coinvolto professionisti HR e dipendenti di vari paesi europei, ha messo in luce dei dati interessanti:

  • L’86% degli specialisti HR ha adattato l’offerta formativa aziendale durante la pandemia e il
    conseguente lockdown
  • Il 46% ha tramutato la formazione in aula in formazione online
  • Il 29% ha istituito nuovi percorsi formativi proprio a seguito dell’emergenza sanitaria.
  • Il 77% dei dipendenti intervistati ha frequentato un corso di formazione a distanza.

La pandemia ha permesso, quindi, di entrare in contatto con questa nuova forma di apprendimento che si è fatta spazio nel nostro quotidiano diventando un capo saldo delle aziende.

 

Cabar partner Microsoft

 

Noi di Cabar crediamo molto in queste nuove modalità di apprendimento che permettono molta più dinamicità e flessibilità nel rapporto che intercorre tra studente e formatore. Grazie alla qualità dei servizi che mettiamo a disposizione, siamo partner di Microsoft per quanto riguarda queste tematiche e puoi trovarci anche nel sito dell’azienda americana alla sezione “Education”.

Un risultato che ci rende orgogliosi e che ci spinge a migliorare noi stessi e offrire soluzioni che semplifichino sempre più la vita quotidiana dei nostri clienti.